Smettila di sudare per la fornitura di BTC, dice l’esperto Bitcoiners

La più grande paura dei Bitcoiners – certamente negli ultimi mesi – ruota intorno ai problemi di approvvigionamento. Cosa succede al bitcoin (BTC) quando non c’è più nulla (o molto poco) rimasto al mio.

Come reagirà il più grande gettone del mondo?

Beh, un esperto dice che „le preoccupazioni sulla credibilità a lungo termine della fornitura di Bitcoin Future sono esagerate“, ma sostiene che il suo ragionamento potrebbe sorprendere alcune persone.

In un post sul blog, il co-fondatore di Castle Island Ventures, Nic Carter, ha dichiarato che le persone che sostengono che BTC sarà „costretta ad aggiungere un’inflazione superiore al tasso ordinato da Satoshi [Nakamoto]“ a causa del calo della redditività delle miniere sono „palesemente sbagliate“.

Egli ha affermato che le argomentazioni sull’inevitabilità dell’inflazione di BTC erano logicamente errate, e ha scritto,

„È falso affermare che il bitcoin contiene l’assunto incorporato degli utenti che una modifica del tasso di emissione sia possibile o necessaria. Anche se il bitcoin di Satoshi può ancora fallire, non può deviare dal suo programma di fornitura, perché qualsiasi deviazione comporterebbe la creazione di un asset completamente nuovo e distinto“.

Carter ha sostenuto che i Bitcoiners hanno così

In effetti, Carter ha sostenuto che i Bitcoiners hanno così tanta familiarità con il tetto di 21 milioni di unità scritto nel Libro Bianco Bitcoin 2008 di Nakamoto che l’hanno accettato come un vangelo – un fatto che sembrerebbe rendere „l’inflazione della BTC“ quasi impossibile.

Ha spiegato, „Quella cosa che chiamiamo ‚bitcoin‘ non può subire un’alterazione del suo programma di fornitura, perché il programma di fornitura è intrinseco al protocollo, all’asset e al sistema“.

Ha aggiunto, „Il programma di fornitura del Bitcoin non può cambiare, perché il bitcoin è il programma di fornitura“.

E anche se i condannati di BTC si dimostrassero corretti, Carter sosteneva che i detentori di gettoni avrebbero avuto comunque delle garanzie.

Ha scritto,

„I Bitcoiner non sono destinati a fallire su una catena condannata se la BTC dovesse subire qualche difetto fatale. Se il bitcoin di Satoshi dovesse davvero cadere in disgrazia, ogni degno successore sarà assegnato a tutti i possessori di bitcoin. […] Quindi, i Bitcoiners non devono preoccuparsi“.

Come riportato in precedenza da Cryptonews.com, i tentativi di aumentare l’offerta di Bitcoin finirebbero con un altro „Bitcoin“.

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.